Verifica dell'autore dell'opera.

Attribuzione

Ci sono casi in cui si pensa che un dipinto, un disegno, una scultura o un’opera di altro genere sia stata realizzata da un artista in particolare, magari perché alcuni indizi sembrano portare in questa direzione; tuttavia, allo stesso tempo alcune considerazioni o fatti contraddittori mettono in dubbio l’ipotesi che l’oggetto sia effettivamente dell'artista a cui stavamo pensando.

In queste circostanze, se le argomentazioni a favore sono fondate, l’opera viene attribuita all’artista, ammettendo, però, l'esistenza di dubbi al riguardo.

Questa forma di ammissione del dubbio si traduce nel descrivere un’opera come “attribuita a X”, piuttosto che “di X”.

Si tratta di una pratica seguita nella speranza della comparsa di nuove prove in un secondo momento, che permetterebbero così di risolvere il caso.

Fino ad allora, l’opera si dice “attribuita a X”.

Ovviamente, dal punto di vista del proprietario è preferibile che un’opera d’arte sia dica “attribuita a X”, piuttosto che “non di X” o in altro modo simile.

Quando ci troviamo di fronte a situazioni come queste, se l’entità delle prove spingono verso l’attribuzione dell’opera all’artista, diamo il beneficio del dubbio e la descriviamo come “attribuita a X”.

Come si potrebbe immaginare, le opere “attribuite a X” hanno un valore molto più alto di quelle rifiutate e, per questo motivo, attribuire un’opera ad un artista è fortemente nell’interesse del proprietario.

Richiedete un preventivo gratuito

Non esitate, descriveteci la vostra opera. Vi forniremo un preventivo gratuito in brevissimo tempo.