Galleria di Artisti
Galleria dei principali artisti valutati nel corso degli anni

Prova digitando "picasso"

Giorgio Vasari

GIORGIO VASARI

Ottieni un Certificato di autenticità (COA) per il tuo dipinto o il tuo disegno di Vasari.

Per vendere, assicurare o donare qualsiasi opera di Vasari ti occorre un Certificato di autenticità (COA).

Ottenere un Certificato di autenticità (COA) per le opere di Vasari è facile. Basterà inviarci le foto e le dimensioni del tuo dipinto o disegno di Vasari, specificando tutto quello che sai sull’origine o sulla storia dell’opera.

Se vuoi vendere il tuo dipinto o disegno di Vasari, accedi ai nostri servizi di vendita. Offriamo strumenti di consiglio e supporto alla vendita, vendite a trattativa privata e mediazione completa per le opere di Vasari.

Autentichiamo Vasari e rilasciamo certificati di autenticità dal 2002. Siamo esperti riconosciuti e periti certificati delle opere di Vasari. Rilasciamo certificati di autenticità e valutazioni per qualsiasi opera di Vasari.

Le nostre autenticazioni dei dipinti e disegni di Vasari sono accettate e riconosciute in tutto il mondo.

Ciascun COA è supportato da ricerche approfondite e relazioni analitiche di autenticazione.

I certificati di autenticità che rilasciamo per le opere di Vasari sono redatti sulla base di indagini artistiche, ricerche di autenticazione, lavoro analitico e studi forensi solidi, affidabili e totalmente documentati.

Siamo a disposizione per esaminare i tuoi dipinti o disegni di Vasari ovunque si trovino nel mondo.

Riceverai i tuoi certificati di autenticità e la relazione di autenticazione solitamente entro due settimane. I casi più complessi, con dipinti o disegni di Vasari difficili da ricercare, richiedono più tempo.

Tra i nostri clienti si trovano collezionisti di opere di Vasari, investitori, autorità fiscali, assicuratori, periti, valutatori, banditori d’asta, gallerie d’arte, agenzie governative e svariati studi legali.

Giorgio Vasari nasce ad Arezzo il 30 luglio del 1511. Prima della sua fama come artista, è ricordato soprattutto per essere l'autore delle Vite, un trattato che raccoglie le biografie di molti importanti artisti dal Medioevo fino all’epoca dell’artista aretino, e quindi fino al primo Cinquecento. Le Vite è una fonte imprescindibile per studiare la storia dell’arte dal Duecento al Cinquecento.
Si forma ad Arezzo dove frequenta la bottega di G. de Pierre de Marcillat; a Firenze studia con Andrea del Sarto e B. Bandinelli, conosce Michelangelo e viene introdotto nella cerchia della corte medicea. Importanti nell'ambito della sua complessa formazione sono inoltre i viaggi a Roma (1532 e 1538). Risale al 1532 la sua prima opera nota, di committenza medicea, è la Sepoltura di Cristo conservata ad Arezzo a Casa Vasari, la sua residenza oggi trasformata in un museo.
Nel 1534, a soli ventitré anni, sempre per i Medici, dipinge il ritratto del duca di Firenze, Alessandro de’ Medici. Nell’ottobre del 1540, l’importante banchiere Bindo Altoviti gli commissiona quella che è forse la sua opera pittorica più nota, l’Immacolata Concezione, di cui agli Uffizi si conserva una replica autografa in dimensioni ridotte. Nel 1541, Vasari si trasferisce a Venezia. Qui, oltre a realizzare le scenografie per la “Talanta” di Pietro Aretino, poeta e drammaturgo, suo amico, esegue le decorazioni di Palazzo Corner-Spinelli. Nel 1546, si sposta a Roma per lavorare per il cardinale Alessandro Farnese, per il quale esegue gli affreschi del salone del Palazzo della Cancelleria, con scene celebrative del pontificato di Paolo III Farnese. Il salone è noto anche come “sala dei cento giorni” perché Giorgio Vasari si vantava di averlo terminato proprio in cento giorni (si racconta che Michelangelo, nell’apprendere che la sala era stata affrescata in tale lasso di tempo, rispose sarcasticamente “si vede”).
Nel 1554 Vasari è a Firenze al servizio di Cosimo I, che gli affida la realizzazione del Palazzo degli Uffizi, grande capolavoro di Giorgio Vasari nel campo dell’architettura. Nel 1562 l’artista inizia a eseguire il grande ciclo di affreschi del Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio, con la celebrazione delle imprese di Cosimo I de’ Medici, che sarebbe divenuto granduca di Toscana nel 1569. Tra il 1570 e il 1572, per Francesco I de’ Medici, esegue il Perseo e Andromeda, e nel 1572 riceve l’incarico di realizzare gli affreschi per decorare l’interno della cupola di Brunelleschi del Duomo di Santa Maria del Fiore a Firenze. Tuttavia, a causa della sua scomparsa avvenuta due anni più tardi, Vasari non riesce a completare il lavoro e l’incarico sarà quindi assunto da Federico Zuccari. L’artista muore infatti a Firenze il 27 giugno del 1574.

Pensi di possedere un’opera di Vasari? Contattaci per ricevere un aiuto cordiale, gentile e altamente informativo. Siamo esperti di Vasari.
Nel corso della nostra attività abbiamo analizzato e valutato centinaia di artisti in tutto il mondo.

Cercate l'artista di vostro interesse.

Richiedete un preventivo gratuito

Non esitate, descriveteci la vostra opera. Vi forniremo un preventivo gratuito in brevissimo tempo.