Galleria di Artisti
Galleria dei principali artisti valutati nel corso degli anni

Prova digitando "picasso"

Henri Rousseau

HENRI ROUSSEAU

Ottieni un Certificato di autenticità (COA) per il tuo dipinto o il tuo disegno di Rousseau.

Per vendere, assicurare o donare qualsiasi opera di Rousseau ti occorre un Certificato di autenticità (COA).

Ottenere un Certificato di autenticità (COA) per le opere di Rousseau è facile. Basterà inviarci le foto e le dimensioni del tuo dipinto o disegno di Rousseau, specificando tutto quello che sai sull’origine o sulla storia dell’opera.

Se vuoi vendere il tuo dipinto o disegno di Rousseau, accedi ai nostri servizi di vendita. Offriamo strumenti di consiglio e supporto alla vendita, vendite a trattativa privata e mediazione completa per le opere di Rousseau.

Autentichiamo Rousseau e rilasciamo certificati di autenticità dal 2002. Siamo esperti riconosciuti e periti certificati delle opere di Rousseau. Rilasciamo certificati di autenticità e valutazioni per qualsiasi opera di Rousseau.

Le nostre autenticazioni dei dipinti e disegni di Rousseau sono accettate e riconosciute in tutto il mondo.

Ciascun COA è supportato da ricerche approfondite e relazioni analitiche di autenticazione.

I certificati di autenticità che rilasciamo per le opere di Rousseau sono redatti sulla base di indagini artistiche, ricerche di autenticazione, lavoro analitico e studi forensi solidi, affidabili e totalmente documentati.

Siamo a disposizione per esaminare i tuoi dipinti o disegni di Rousseau ovunque si trovino nel mondo.

Riceverai i tuoi certificati di autenticità e la relazione di autenticazione solitamente entro due settimane. I casi più complessi, con dipinti o disegni di Rousseau difficili da ricercare, richiedono più tempo.

Tra i nostri clienti si trovano collezionisti di opere di Rousseau, investitori, autorità fiscali, assicuratori, periti, valutatori, banditori d’asta, gallerie d’arte, agenzie governative e svariati studi legali.



Henri Rousseau, uno dei più noti pittori francesi, nasce il 21 Maggio 1844 a Laval e vive un'infanzia ed una fanciullezza segnate dalla povertà.
Come scolaro Henri Rousseau non è molto brillante e non riesce a diplomarsi, ma rivela un grande amore per la musica, la poesia e una certa dote per l'ortografia, cosa che, diciannovenne, gli vale un posto di impiegato presso un avvocato.
Purtroppo, Henri Rousseau viene coinvolto da due colleghi di lavoro in un furto ai danni dell'avvocato per il quale lavorava. Viene scoperto e per evitare la prigione firma, come volontario, una ferma di sette anni che trascorse in fanteria come sassofonista nella banda militare.
Dopo il congedo, nell'estate del 1868 Henri Rousseau si trasferisce a Parigi, trovando lavoro da scrivano presso un ufficiale giudiziario. La vita di Henri Rousseau prosegue nella semplicità della piccola borghesia francese, fino al 1870 quando sposa Clèmence Boitard, figlia di un mobiliere, che gli darà sette figli e viene assunto presso il dazio della prefettura della Senna (anche se poi passa alla storia con l'appellativo di Doganiere). Il lavoro al dazio è un lavoro leggero con lunghi tempi morti. È proprio per vincere la noia che Henri Rousseau incomincia ad abbozzare veloci disegni a penna e piccoli studi ad olio di luoghi visitati o, più spesso, copiati dalle stampe o dalle fotografie. Il suo primo vero quadro è datato 1877. Completamente autodidatta, Rousseau disegna per hobby, ma nel 1884 ottiene il permesso di entrare al Louvre per copiare i dipinti esposti.
Nel 1885 Rousseau affitta un atelier in Avenue du Maine con il sogno di diventare pittore professionista. I suoi superiori, per favorirlo nelle sue aspirazioni artistiche, gli assegnano incarichi che gli lasciano il tempo per dipingere e studiare. Henri Rousseau esordisce al Salon des Refusés, dove viene notato da Signac, che lo invita al Salon des Indépendants del 1886, dove espone quattro tele senza trovare la considerazione sperata. Al 'Salon des Indèpendants', fondato da Georges Seurat per dar 'voce' a quegli artisti non in linea con i gusti dell'epoca, Henri Rousseau partecipa a molte edizioni sempre senza successo. Nel 1888 la sfortuna si accanisce su Rousseau: durante un'epidemia di tisi, muoiono la moglie e cinque dei suoi figli. Il pittore, per evitare che la figlia sopravvissuta sia contagiata dalla malattia la affida ad un fratello che vive ancora ad Anger, tenendo con sé Hernri-Anatole, l'altro figlio superstite. Non ancora cinquantenne Henri Rousseau chiede ed ottiene il pensionamento anticipato per poter disporre di tutto il tempo da dedicare ai pennelli. Il pittore comincia una vita bohèmienne: i soldi della pensione sono insufficienti per vivere e per arrotondare è costretto a fare il decoratore per alcuni negozi, ad insegnare musica, il suonatore ambulante ed eseguendo ritratti su commissione.
Nel 1891 Henri Rousseau realizza il primo di una lunga serie di dipinti ambientati in giungle rigogliose ed irreali, abitate da animali. Questo tema viene ripresa spesso da Henri Rousseau, suscitando la pesante ironia dei critici, che pur cominciando ad essere meno duri nei suoi confronti, ne deridono le limitate capacità tecniche, sottolineando l’incongruenza della vegetazione, senza capire che non è reale ma frutto della sua straordinaria fantasia.
Considerato un semplice e modesto “pittore della domenica”, finalmente, Rousseau inizia farsi strada ed a riscuotere una certa notorietà tra le menti più aperte e lungimiranti. Anche il 1897 è un anno particolarmente triste per il 'Doganiere', alla miseria della vita quotidiana si aggiunge la morte del figlio diciottenne Henri-Anatole, apprendista intagliatore. Due anni dopo Henri Rousseau si risposa e, per far fronte alle aumentate necessità della famiglia è costretto ad intensificare le lezioni private di musica e iniziare a darne anche di disegno e pittura su ceramica, acquerello, pastello e miniatura. Tuttavia, Rousseau non era destinato ad avere una famiglia, dopo due anni la neo-moglie Josèphine muore stroncata da un tumore. Henri Rousseau continua a vivere a Parigi, nonostante la vita grama. Nel 1905 dopo due sfratti, affitta uno studio in rue Perrel, ed espone al Salon d’Automne con pittori del calibro di Henri Matisse, Paul Cézanne e Georges Braque.
Pur avendo finalmente raggiunta una certa notorietà, Rousseau resta sempre povero ed in continue difficoltà economiche. Vende le sue opere per il classico tozzo di pane in quanto e per di più viene condannato per un tentativo di truffa ai danni di una Banca nel 1907 per l'inganno di un amico. Henri Rousseau rifiuta di frequentare i luoghi di ritrovo degli artisti d'avanguardia e loro lo criticano per le incongruenze stilistiche. Di contro i critici gli rimproverano di non aver seguito studi regolari e di non l'aver frequentato l’atelier di un pittore accademico. Tuttavia, Rousseau è compreso da grandi pittori come Paul Signac, Pablo Picasso e Paul Gauguin che lo apprezzano in vita e, dopo la sua morte si preoccupano di 'spiegarlo' ai contemporanei. Altri giovani pittori prendono dal Doganiere spunti ed atmosfere: molti pittori Espressionisti, i Cubisti, i Metafisici, i Surrealisti rivelano nei loro lavori l'influenza di Henri Rousseau. Henri Rousseau muore il 2 Settembre 1910, per cancrena ad una gamba, a causa di una ferita trascurata e sepolto in una fossa comune. Il mondo esotico della fantasia del pittore diventa visione onirica di una vita psichica gioiosa e libera, sarà il seme che germoglierà vigoroso con la pittura naif.
Pensi di possedere un’opera di Rousseau? Contattaci per ricevere un aiuto cordiale, gentile e altamente informativo. Siamo esperti di Rousseau.
Nel corso della nostra attività abbiamo analizzato e valutato centinaia di artisti in tutto il mondo.

Cercate l'artista di vostro interesse.

Richiedete un preventivo gratuito

Non esitate, descriveteci la vostra opera. Vi forniremo un preventivo gratuito in brevissimo tempo.