Galleria di Artisti
Galleria dei principali artisti valutati nel corso degli anni

Prova digitando "picasso"

Paolo Pagani

PAOLO ANTONIO PAGANI

Ottieni un Certificato di autenticità (COA) per il tuo dipinto o il tuo disegno di Pagani.

Per vendere, assicurare o donare qualsiasi opera di Pagani ti occorre un Certificato di autenticità (COA).

Ottenere un Certificato di autenticità (COA) per le opere di Pagani è facile. Basterà inviarci le foto e le dimensioni del tuo dipinto o disegno di Pagani, specificando tutto quello che sai sull’origine o sulla storia dell’opera.

Se vuoi vendere il tuo dipinto o disegno di Pagani, accedi ai nostri servizi di vendita. Offriamo strumenti di consiglio e supporto alla vendita, vendite a trattativa privata e mediazione completa per le opere di Pagani.

Autentichiamo Pagani e rilasciamo certificati di autenticità dal 2002. Siamo esperti riconosciuti e periti certificati delle opere di Pagani. Rilasciamo certificati di autenticità e valutazioni per qualsiasi opera di Pagani.

Le nostre autenticazioni dei dipinti e disegni di Pagani sono accettate e riconosciute in tutto il mondo.

Ciascun COA è supportato da ricerche approfondite e relazioni analitiche di autenticazione.

I certificati di autenticità che rilasciamo per le opere di Pagani sono redatti sulla base di indagini artistiche, ricerche di autenticazione, lavoro analitico e studi forensi solidi, affidabili e totalmente documentati.

Siamo a disposizione per esaminare i tuoi dipinti o disegni di Pagani ovunque si trovino nel mondo.

Riceverai i tuoi certificati di autenticità e la relazione di autenticazione solitamente entro due settimane. I casi più complessi, con dipinti o disegni di Pagani difficili da ricercare, richiedono più tempo.

Tra i nostri clienti si trovano collezionisti di opere di Pagani, investitori, autorità fiscali, assicuratori, periti, valutatori, banditori d’asta, gallerie d’arte, agenzie governative e svariati studi legali.

Paolo Pagani nasce a Castello Valsolda in provincia di Como il 22 settembre del 1655. Tra i 12 e i 13 anni parte per Venezia dove lavora come stampatore presso il pittore e incisore Giuseppe Diamantini, prima di incontrare il cesellatore Antonio Bonacina, abile disegnatore di nudi, e il pittore Pietro Liberi. A Venezia Pagani viene anche attratto dalla corrente dei Tenebrosi di Langetti e Loth e concepisce quella che può essere considerare la sua prima opera: la Scena di Martirio (Martirio di S. Erasmo), oggi alla Galleria nazionale di Palazzo Spinola a Genova. Nel 1690 Paolo Pagani parte da Venezia, in compagnia dell’allievo Antonio Pellegrini, per un lungo viaggio attraverso l’Austria, la Germania, la Moravia e la Polonia, portando con sé numerosi disegni preparatori per opere eseguite a Venezia e che eseguirà a Nord delle Alpi. Non si conoscono le sue opere eseguite a Vienna, su incarico dell’Imperatore Leopoldo I, ma si sa che nel 1692 viene chiamato dal Principe-Vescovo Karel Liechtenstein Castelcorn da Vienna a Kroměříž, (Moravia) per decorare di affreschi le sale del suo palazzo (purtroppo distrutte) insieme allo stuccatore ticinese Baldasar Fontana di Chiasso. Nel 1694 si reca a Velehrad con Baldasar Fontana per decorare la chiesa conventuale i cui affreschi, anche se parzialmente ridipinti, sono ancora oggi in parte identificabili. Sempre con il Baldasar Fontana si reca nel 1695 in Polonia per decorare, nella chiesa di Sant’Anna a Cracovia, la cappella di S. Sebastiano dove lascia uno splendido quadro che ritrae il martirio del Santo. Il 26 marzo del 1696, il Pagani ritorna a Castello per affrescare la volta della sua chiesa di S. Martino con un capolavoro di pittura scenografica, fra i più interessanti del barocco in Lombardia.
Sono del periodo degli affreschi di Castello alcuni capolavori fra i più significativi fra le sue opere, come il grande quadro della Discesa agli Inferi, di proprietà dell’Amministrazione Provinciale di Como, o il San Liborio della chiesa di S. Marco a Milano. Termina la sua carriera con due grandi tele per la chiesa di Santa Maria del Giardino a Milano, ora alla parrocchiale di Uggiate Trevano, dedicate alla vita di Sant’Antonio e realizzate nel 1714-1715. Muore a Milano il 5 maggio 1716.

Pensi di possedere un’opera di Pagani? Contattaci per ricevere un aiuto cordiale, gentile e altamente informativo. Siamo esperti di Pagani.
Nel corso della nostra attività abbiamo analizzato e valutato centinaia di artisti in tutto il mondo.

Cercate l'artista di vostro interesse.

Richiedete un preventivo gratuito

Non esitate, descriveteci la vostra opera. Vi forniremo un preventivo gratuito in brevissimo tempo.