Galleria di Artisti
Galleria dei principali artisti valutati nel corso degli anni

Prova digitando "picasso"

Matilde Malenchini

MATILDE MALENCHINI

Ottieni un Certificato di autenticità (COA) per il tuo dipinto o il tuo disegno di Malenchini.

Per vendere, assicurare o donare qualsiasi opera di Malenchini ti occorre un Certificato di autenticità (COA).

Ottenere un Certificato di autenticità (COA) per le opere di Malenchini è facile. Basterà inviarci le foto e le dimensioni del tuo dipinto o disegno di Malenchini, specificando tutto quello che sai sull’origine o sulla storia dell’opera.

Se vuoi vendere il tuo dipinto o disegno di Malenchini, accedi ai nostri servizi di vendita. Offriamo strumenti di consiglio e supporto alla vendita, vendite a trattativa privata e mediazione completa per le opere di Malenchini.

Autentichiamo Malenchini e rilasciamo certificati di autenticità dal 2002. Siamo esperti riconosciuti e periti certificati delle opere di Malenchini. Rilasciamo certificati di autenticità e valutazioni per qualsiasi opera di Malenchini.

Le nostre autenticazioni dei dipinti e disegni di Malenchini sono accettate e riconosciute in tutto il mondo.

Ciascun COA è supportato da ricerche approfondite e relazioni analitiche di autenticazione.

I certificati di autenticità che rilasciamo per le opere di Malenchini sono redatti sulla base di indagini artistiche, ricerche di autenticazione, lavoro analitico e studi forensi solidi, affidabili e totalmente documentati.

Siamo a disposizione per esaminare i tuoi dipinti o disegni di Malenchini ovunque si trovino nel mondo.

Riceverai i tuoi certificati di autenticità e la relazione di autenticazione solitamente entro due settimane. I casi più complessi, con dipinti o disegni di Malenchini difficili da ricercare, richiedono più tempo.

Tra i nostri clienti si trovano collezionisti di opere di Malenchini, investitori, autorità fiscali, assicuratori, periti, valutatori, banditori d’asta, gallerie d’arte, agenzie governative e svariati studi legali.

Matilde Malenchini nasce a Livorno il 1779. Il 22 novembre 1796 sposa il livornese Vincenzo Francesco Malenchini, ma presto si separano. Lei comunque manterrà il cognome del marito fino alla morte.
Nel 1807 si iscrive all'Accademia delle belle arti di Firenze e studia pittura sotto la guida di Pietro Benvenuti. Tra il 1807 e il 1811 copia ritratti e soggetti di artisti del XVII secolo, tra loro Rubens, Guido Reni, e i fiamminghi Sustermans e Pieter van Slingelandt, presenti alla Galleria degli Uffizi.
Insieme ad altri 63 artisti, nel novembre 1809 partecipa in Campidoglio a una prima grande mostra internazionale dove espone sette ritratti di italiani famosi.
Nel 1811 ottiene dalla granduchessa di Toscana Elisa Bonaparte una pensione quadriennale (in seguito le verrà più volte rinnovata e trasformata 'a vita' nel 1844, per approfondire lo studio della pittura a Roma, alla Pontificia Accademia romana delle belle arti di San Luca.
Gli anni trascorsi a Roma sono i più produttivi e fertili di tutta la sua carriera anche per i rapporti che stringe con la colta comunità francese della città, in particolare con il governatore degli Stati Pontifici, il generale Sextius Alexandre François de Miollis, raffinato collezionista e estimatore delle arti e delle scienze. A Roma incontra anche lo scrittore e politico belga Louis de Potter con il quale inizia una storia d'amore.
Nel 1824, dopo la morte del padre di lui, De Potter si trasferisce a Bruxelles e invita Matilde a raggiungerlo. La loro casa diventa un luogo di incontro per gli italiani di passaggio nei Paesi Bassi e per i rifugiati politici. Insieme al pittore Navez, conosciuto a Roma, organizzano corsi di pittura a cui partecipano numerosi allievi, alcuni dei quali poi diventati famosi.
Nel giugno 1825 la Malenchini soggiorna a Londra, poi a Parigi, infine fa ritorno in Toscana. De Potter, non potendola sposare, per via del precedente matrimonio di lei, decide di interrompere la relazione nel 1826.
La Malenchini trascorrerà gli ultimi anni in solitudine. Muore a Fiesole nel 1858, all'età di 78 anni.
Tra le sue opere ricordiamo: L'interno della chiesa di San Miniato al Monte; il Ritratto di un giovane, nella Galleria d'Arte Moderna di Firenze, Le carceri di Firenze, Maria Carolina e Maria Amelia granduchessa di Sassonia, di proprietà del Museo Civico di Livorno. Louis de Potter in una biblioteca, presso il Museo Groeninge a Bruges.

Pensi di possedere un’opera di Malenchini? Contattaci per ricevere un aiuto cordiale, gentile e altamente informativo. Siamo esperti di Malenchini.
Nel corso della nostra attività abbiamo analizzato e valutato centinaia di artisti in tutto il mondo.

Cercate l'artista di vostro interesse.

Richiedete un preventivo gratuito

Non esitate, descriveteci la vostra opera. Vi forniremo un preventivo gratuito in brevissimo tempo.