Galleria di Artisti
Galleria dei principali artisti valutati nel corso degli anni

Prova digitando "picasso"

Palma Il Vecchio

PALMA IL VECCHIO

Ottieni un Certificato di autenticità (COA) per il tuo dipinto o il tuo disegno di Palma il Vecchio.

Per vendere, assicurare o donare qualsiasi opera di Palma il Vecchio ti occorre un Certificato di autenticità (COA).

Ottenere un Certificato di autenticità (COA) per le opere di Palma il Vecchio è facile. Basterà inviarci le foto e le dimensioni del tuo dipinto o disegno di Palma il Vecchio, specificando tutto quello che sai sull’origine o sulla storia dell’opera.

Se vuoi vendere il tuo dipinto o disegno di Palma il Vecchio, accedi ai nostri servizi di vendita. Offriamo strumenti di consiglio e supporto alla vendita, vendite a trattativa privata e mediazione completa per le opere di Palma il Vecchio.

Autentichiamo Palma il Vecchio e rilasciamo certificati di autenticità dal 2002. Siamo esperti riconosciuti e periti certificati delle opere di Palma il Vecchio. Rilasciamo certificati di autenticità e valutazioni per qualsiasi opera di Palma il Vecchio.

Le nostre autenticazioni dei dipinti e disegni di Palma il Vecchio sono accettate e riconosciute in tutto il mondo.

Ciascun COA è supportato da ricerche approfondite e relazioni analitiche di autenticazione.

I certificati di autenticità che rilasciamo per le opere di Palma il Vecchio sono redatti sulla base di indagini artistiche, ricerche di autenticazione, lavoro analitico e studi forensi solidi, affidabili e totalmente documentati.

Siamo a disposizione per esaminare i tuoi dipinti o disegni di Palma il Vecchio ovunque si trovino nel mondo.

Riceverai i tuoi certificati di autenticità e la relazione di autenticazione solitamente entro due settimane. I casi più complessi, con dipinti o disegni di Palma il Vecchio difficili da ricercare, richiedono più tempo.

Tra i nostri clienti si trovano collezionisti di opere di Palma il Vecchio, investitori, autorità fiscali, assicuratori, periti, valutatori, banditori d’asta, gallerie d’arte, agenzie governative e svariati studi legali.

Jacopo Negretti, detto Palma il Vecchio, nasce a Serina nella Val Brembana, nel 1480. L’appellativo Vecchio, deriva dalla necessità di distinguerlo dal pronipote omonimo, attivo anch’egli a Venezia tra il XVI e il XVII secolo, detto il Giovane. Del tutto oscure sono le circostanze del suo arrivo a Venezia, da collocarsi probabilmente poco dopo l’anno 1500.
L'impronta data da Palma il Vecchio al proprio linguaggio pittorico, nel momento in cui si trasferisce in laguna, è influenzata da Tiziano e da Carpaccio. Dell'influenza di quest'ultimo si possono collocare opere quali: la Madonna conservata a Berlino e la Madonna in trono nel paesaggio tra due committenti dell’ Ermitage di San Pietroburgo.
A Venezia si trovavano alcune pale di Palma il Vecchio, collocate su altari di chiese importanti come quelle in S. Antonio di Castello e in S. Elena e il polittico di S. Barbara in S. Maria Formosa. A queste si affianca la grande Burrasca nella Scuola Grande di S. Marco, oggi alle Gallerie dell’Accademia. Sono però soprattutto i ritratti, le mezze figure femminili, i dipinti di gusto mitologico e le sacre conversazioni a decretare la grande fortuna di Palma nell’ambito della committenza privata cittadina: la Dama in blu e la Dama in verde, entrambe nello stesso museo (Kunsthistorisches Museum) e databili intorno al 1515; la Vanitas di Monaco (Alte Pinakothek, c. 1514); la celebre Donna allo specchio del Louvre (c. 1515) o la Flora degli Uffizi (c. 1518), senza dimenticare quella della National Gallery di Londra o la Donna di spalle che si volta del Kunsthistorisches Museum di Vienna. Negli anni successivi alla morte di Giorgione (1510), e nel clima di quel giorgionismo di stampo arcadico, si collocano alcuni dipinti di piccole dimensioni e di tema mitologico, allegorico o pastorale come le Due ninfe in un paesaggio di Francoforte (Städelsches Kunstinstitut). Nei primi anni Venti si collocano la Venere di Dresda, Gemäldegalerie, e le Ninfe al bagno di Vienna, Kunsthistorisches Musem,
Degli ultimi anni si possono datare opere come la Sacra conversazione conservata a Napoli al Museo di Capodimonte (c.1527-28). Colto da improvvisa malattia, l'artista muore a Venezia nel 1528.

Pensi di possedere un’opera di Palma il Vecchio? Contattaci per ricevere un aiuto cordiale, gentile e altamente informativo. Siamo esperti di Palma il Vecchio.
Nel corso della nostra attività abbiamo analizzato e valutato centinaia di artisti in tutto il mondo.

Cercate l'artista di vostro interesse.

Richiedete un preventivo gratuito

Non esitate, descriveteci la vostra opera. Vi forniremo un preventivo gratuito in brevissimo tempo.