Galleria di Artisti
Galleria dei principali artisti valutati nel corso degli anni

Prova digitando "picasso"

Domenico Ghirlandaio

DOMENICO GHIRLANDAIO

Ottieni un Certificato di autenticità (COA) per il tuo dipinto o il tuo disegno del Ghirlandaio.

Per vendere, assicurare o donare qualsiasi opera del Ghirlandaio ti occorre un Certificato di autenticità (COA).

Ottenere un Certificato di autenticità (COA) per le opere del Ghirlandaio è facile. Basterà inviarci le foto e le dimensioni del tuo dipinto o disegno del Ghirlandaio, specificando tutto quello che sai sull’origine o sulla storia dell’opera.

Se vuoi vendere il tuo dipinto o disegno del Ghirlandaio, accedi ai nostri servizi di vendita. Offriamo strumenti di consiglio e supporto alla vendita, vendite a trattativa privata e mediazione completa per le opere del Ghirlandaio.

Autentichiamo Ghirlandaio e rilasciamo certificati di autenticità dal 2002. Siamo esperti riconosciuti e periti certificati delle opere del Ghirlandaio. Rilasciamo certificati di autenticità e valutazioni per qualsiasi opera del Ghirlandaio.

Le nostre autenticazioni dei dipinti e disegni del Ghirlandaio sono accettate e riconosciute in tutto il mondo.

Ciascun COA è supportato da ricerche approfondite e relazioni analitiche di autenticazione.

I certificati di autenticità che rilasciamo per le opere del Ghirlandaio sono redatti sulla base di indagini artistiche, ricerche di autenticazione, lavoro analitico e studi forensi solidi, affidabili e totalmente documentati.

Siamo a disposizione per esaminare i tuoi dipinti o disegni del Ghirlandaio ovunque si trovino nel mondo.

Riceverai i tuoi certificati di autenticità e la relazione di autenticazione solitamente entro due settimane. I casi più complessi, con dipinti o disegni del Ghirlandaio difficili da ricercare, richiedono più tempo.

Tra i nostri clienti si trovano collezionisti di opere del Ghirlandaio, investitori, autorità fiscali, assicuratori, periti, valutatori, banditori d’asta, gallerie d’arte, agenzie governative e svariati studi legali.

Domenico Bigordi, detto il ' Ghirlandaio', nasce a Firenze nel 1449. Appartenente ad una benestante e numerosa famiglia di artigiani, comincia a lavorare come orafo presso la bottega del Verrocchio, ma la passione del giovane apprendista sono la pittura e soprattutto il mosaico, tanto che presto si ritrova allievo di Alessio Baldovinetti, un famoso affrescante e maestro di mosaico.
Una volta divenuto un importante pittore apre la propria bottega, una delle più ambite di Firenze insieme a quella di Cosimo Rosselli, frequentata a partire dal 1487 dal giovanissimo Michelangelo Buonarroti, il quale, sebbene vi resta pochissimo, viene iniziato all'arte proprio dal Ghirlandaio.
Uno dei primi lavori di Domenico Ghirlandaio è costituito dal ciclo di affreschi della collegiata di Santa Fina a San Gimignano (1475).
Nel 1481 il Papa Sisto IV lo chiama a Roma con Cosimo Rosselli, Sandro Botticelli e Perugino per dipingere nella Cappella Sistina la Vocazione di Pietro e Andrea. Tornato a Firenze nel 1485 affresca la Cappella Sassetti in Santa Trinità con Storie di s.Francesco e una tavola con la Natività, e nel 1486 la pala con l'Incoronazione della Vergine. Con Domenico Ghirlandaio, fra gli anni 1485 e 1490, collabora il fratello Davide per i famosi affreschi de Le Storie della Vergine e del Battista, situate nel coro della chiesa di Santa Maria Novella a Firenze; molto probabilmente a quel lavoro collabora anche Michelangelo Buonarroti che era a bottega da lui dal 1488. Divenuto uno dei pittori più famosi della sua epoca, inizia anche ad includere sempre più spesso il proprio viso nelle sue opere, riconoscibili dallo sguardo e dalla posizione fiera, con la quale si ritrae.
Il realismo e la perfezione del tratto che caratterizzano le sue opere, la sua abilità nel ritratto, che usa spesso per immortalare i più famosi personaggi della Firenze dell'epoca, ne fecero un artista molto richiesto, tanto che diversi esponenti della borghesia cittadina divennero suoi mecenati. Domenico Ghirlandaio, aderendo all'idea del suo tempo, che l'arte classica è un'arte naturalistica e che lo scopo dell'arte è imitare la natura, dipinge precise rappresentazioni dei panorami che lo circondano: alberi e montagne, case ed animali, ripresi con un verismo commovente e finalmente libero dalla durezza della pittura fiamminga che aveva ravvivato l'arte italiana con colori brillanti, ma l'aveva anche irrigidita.
Muore di peste a Firenze nel 1494.

Pensi di possedere un’opera del Ghirlandaio? Contattaci per ricevere un aiuto cordiale, gentile e altamente informativo. Siamo esperti del Ghirlandaio.
Nel corso della nostra attività abbiamo analizzato e valutato centinaia di artisti in tutto il mondo.

Cercate l'artista di vostro interesse.

Richiedete un preventivo gratuito

Non esitate, descriveteci la vostra opera. Vi forniremo un preventivo gratuito in brevissimo tempo.