Galleria di Artisti
Galleria dei principali artisti valutati nel corso degli anni

Prova digitando "picasso"

Giovanni Domenico Tiepolo

GIOVANNI DOMENICO TIEPOLO

Ottieni un Certificato di autenticità (COA) per il tuo dipinto o il tuo disegno di Tiepolo.

Per vendere, assicurare o donare qualsiasi opera di Tiepolo ti occorre un Certificato di autenticità (COA).

Ottenere un Certificato di autenticità (COA) per le opere di Tiepolo è facile. Basterà inviarci le foto e le dimensioni del tuo dipinto o disegno di Tiepolo, specificando tutto quello che sai sull’origine o sulla storia dell’opera.

Se vuoi vendere il tuo dipinto o disegno di Tiepolo, accedi ai nostri servizi di vendita. Offriamo strumenti di consiglio e supporto alla vendita, vendite a trattativa privata e mediazione completa per le opere di Tiepolo.

Autentichiamo Tiepolo e rilasciamo certificati di autenticità dal 2002. Siamo esperti riconosciuti e periti certificati delle opere di Tiepolo. Rilasciamo certificati di autenticità e valutazioni per qualsiasi opera di Tiepolo.

Le nostre autenticazioni dei dipinti e disegni di Tiepolo sono accettate e riconosciute in tutto il mondo.

Ciascun COA è supportato da ricerche approfondite e relazioni analitiche di autenticazione.

I certificati di autenticità che rilasciamo per le opere di Tiepolo sono redatti sulla base di indagini artistiche, ricerche di autenticazione, lavoro analitico e studi forensi solidi, affidabili e totalmente documentati.

Siamo a disposizione per esaminare i tuoi dipinti o disegni di Tiepolo ovunque si trovino nel mondo.

Riceverai i tuoi certificati di autenticità e la relazione di autenticazione solitamente entro due settimane. I casi più complessi, con dipinti o disegni di Tiepolo difficili da ricercare, richiedono più tempo.

Tra i nostri clienti si trovano collezionisti di opere di Tiepolo, investitori, autorità fiscali, assicuratori, periti, valutatori, banditori d’asta, gallerie d’arte, agenzie governative e svariati studi legali.

Giovanni Domenico Tiepolo nasce nel 1727 a Venezia. È figlio del più noto padre, il pittore veneziano Gianbattista Tiepolo, mentre i vedutisti veneziani Francesco e Gianantonio Guardi sono gli zii. All'età di tredici anni è già a bottega con il padre, collaborando con lui in numerosissime occasioni a Venezia, Vicenza, Würzburg, Brescia e a Madrid, sviluppando tuttavia una autonoma capacità espressiva che va via via manifestando nel corso degli anni. Il suo primo incarico a 19 anni è il ciclo delle Stazioni della Via Crucis, realizzato per l'oratorio della Chiesa di San Polo a Venezia. Il primo importante intervento pittorico di Gian domenico Tiepolo avviene nella Villa Valmarana Ai Nani a Vicenza. Qui si scosta dallo stile classico del padre per assumerne uno più moderno, ispirato all'illuminismo. Qui nel 1757 affresca gli spazi della Foresteria mettendo in scena raffigurazioni della vita quotidiana, immaginari e di fantasia con estrema libertà espressiva. Nel 1789 affresca il Palazzo Contarini di Venezia con temi e stile acquisiti dal padre. Nel 1759, e poi successivamente negli anni sino al 1797, si dedica alla decorazione della villa di famiglia a Zianigo di Mirano, che interrompe in diverse occasioni per eseguire lavori a Udine, a Strà e a Madrid, dove si reca assieme al padre e al fratello Lorenzo per dipingere su incarico di Carlo III di Borbone la Gloria di Spagna presso il Palazzo Reale. Gli affreschi di Villa Ziniago, ora conservati nel palazzo Ca' Rezzonico di Venezia, eseguiti in un periodo di tempo di quasi quarant'anni, fra il 1759 e il 1797, costituiscono uno dei momenti più singolari della pittura veneziana e del genio dell'artista che li realizza senza commissione, ma per puro piacere. Proprio questa circostanza rende il pittore libero da convenzioni tematiche e figurative, e gli consente di assecondare la propria intima natura che lo porta a descrivere con sarcasmo il mondo che lo circonda. La 'Stanza dei Pulcinella' appare come un vero e proprio camerino: l’ultima realizzata da Giandomenico e forse la più celebre di questo intero ciclo. Un curioso affresco della 'Stanza dei Pulcinella' è quello de L'altalena di Pulcinella (1783), dove Tiepolo raffigura la maschera teatrale napoletana, irridente e beffarda, un soggetto a lui caro, protagonista anche di una serie di 104 disegni, intitolata “Divertimento per li regazzi”, eseguita dal Tiepolo alla fine del '700.
Gian domenico Tiepolo muore a Venezia il 3 marzo 1804.

Pensi di possedere un’opera di Tiepolo? Contattaci per ricevere un aiuto cordiale, gentile e altamente informativo. Siamo esperti di Tiepolo.
Nel corso della nostra attività abbiamo analizzato e valutato centinaia di artisti in tutto il mondo.

Cercate l'artista di vostro interesse.

Richiedete un preventivo gratuito

Non esitate, descriveteci la vostra opera. Vi forniremo un preventivo gratuito in brevissimo tempo.