Galleria di Artisti
Galleria dei principali artisti valutati nel corso degli anni

Prova digitando "picasso"

Vito D Ancona

VITO DA ANCONA

Ottieni un Certificato di autenticità (COA) per il tuo dipinto o il tuo disegno di Vito da Ancona.

Per vendere, assicurare o donare qualsiasi opera di Vito da Ancona ti occorre un Certificato di autenticità (COA).

Ottenere un Certificato di autenticità (COA) per le opere di Vito da Ancona è facile. Basterà inviarci le foto e le dimensioni del tuo dipinto o disegno di Vito da Ancona, specificando tutto quello che sai sull’origine o sulla storia dell’opera.

Se vuoi vendere il tuo dipinto o disegno di Vito da Ancona, accedi ai nostri servizi di vendita. Offriamo strumenti di consiglio e supporto alla vendita, vendite a trattativa privata e mediazione completa per le opere di Vito da Ancona.

Autentichiamo Vito da Ancona e rilasciamo certificati di autenticità dal 2002. Siamo esperti riconosciuti e periti certificati delle opere di Vito da Ancona. Rilasciamo certificati di autenticità e valutazioni per qualsiasi opera di Vito da Ancona.

Le nostre autenticazioni dei dipinti e disegni di Vito da Ancona sono accettate e riconosciute in tutto il mondo.

Ciascun COA è supportato da ricerche approfondite e relazioni analitiche di autenticazione.

I certificati di autenticità che rilasciamo per le opere di Vito da Ancona sono redatti sulla base di indagini artistiche, ricerche di autenticazione, lavoro analitico e studi forensi solidi, affidabili e totalmente documentati.

Siamo a disposizione per esaminare i tuoi dipinti o disegni di Vito da Ancona ovunque si trovino nel mondo.

Riceverai i tuoi certificati di autenticità e la relazione di autenticazione solitamente entro due settimane. I casi più complessi, con dipinti o disegni di Vito da Ancona difficili da ricercare, richiedono più tempo.

Tra i nostri clienti si trovano collezionisti di opere di Vito da Ancona, investitori, autorità fiscali, assicuratori, periti, valutatori, banditori d’asta, gallerie d’arte, agenzie governative e svariati studi legali.

Vito da Ancona nasce a Pesaro il 12 agosto 1825, da Giuseppe e Ester Della Ripa. La famiglia, di religione ebraica, nel 1828 decide di abbandonare la città di origine, facente parte dello Stato pontificio, e di trasferirsi in Toscana, a Pisa e poi a Firenze nel 1848, subito dopo la morte del padre. Qui, fin da subito, Vito frequenta il Caffè Michelangelo, luogo prediletto dai Macchiaioli, e con loro condivide anche gli ideali patriottici, arruolandosi nel 1848 durante la prima guerra d’indipendenza.
Fin dai primi anni Cinquanta dell' 800 partecipa a numerose esposizioni italiane della Promotrice, soprattutto con quadri legati al romanticismo storico. Stimato dai colleghi, primo fra tutti il giovane Telemaco Signorini (1835-1901), D’Ancona diventa un punto di riferimento per la sua vasta cultura (sempre in continuo aggiornamento) e tecnicamente viene ammirato per il sapiente uso della luce nei suoi quadri.
Con il quadro raffigurante un Portico del 1861 (Palazzo Pitti), Vito d’Ancona apre la sua fase macchiaiola. Una rottura netta con la sua prima forma espressiva, ancora fortemente legata agli studi accademici.
Ancora diversa è la successiva fase artistica, strettamente legata al suo trasferimento a Parigi, dove, tra il 1865 e il 1874, ha modo di aggiornarsi sulle novità degli Impressionisti. La sua pittura assume un taglio fotografico con una stesura fresca e libera. Tornato a Firenze, a seguito di gravi problemi di salute, partecipa nel 1877 all’Esposizione di Napoli, vincendo un premio con un Nudo che stilisticamente si lega al suo primo periodo artistico.
Degli ultimi anni di attività, all'incirca sino al 1878, conosciamo un numero di opere non molto ampio ma assai significativo. Innanzi tutto alcuni ritratti come quelli di Cesare D'Ancona e della moglie di questo, Giulietta Gallico; il Ritratto della figlia Giulietta, La lettera attesa in due versioni e la Donna che fuma. Di questa ultimissima fase della produzione del maestro si possono citare anche la Ciociara dipinta con tocco franco ed espressivo, e la veduta di Volognano, località dove la famiglia D'Ancona aveva una casa.
Il Da Ancona muore a Firenze il 9 gennaio 1884.
Pensi di possedere un’opera di Vito da Ancona? Contattaci per ricevere un aiuto cordiale, gentile e altamente informativo. Siamo esperti di Vito da Ancona.
Nel corso della nostra attività abbiamo analizzato e valutato centinaia di artisti in tutto il mondo.

Cercate l'artista di vostro interesse.

Richiedete un preventivo gratuito

Non esitate, descriveteci la vostra opera. Vi forniremo un preventivo gratuito in brevissimo tempo.