Galleria di Artisti
Galleria dei principali artisti valutati nel corso degli anni

Prova digitando "picasso"

Canaletto

CANALETTO

Ottieni un Certificato di autenticità (COA) per il tuo dipinto o il tuo disegno di Canaletto.

Per vendere, assicurare o donare qualsiasi opera di Canaletto ti occorre un Certificato di autenticità (COA).

Ottenere un Certificato di autenticità (COA) per le opere di Canaletto è facile. Basterà inviarci le foto e le dimensioni del tuo dipinto o disegno di Canaletto, specificando tutto quello che sai sull’origine o sulla storia dell’opera.

Se vuoi vendere il tuo dipinto o disegno di Canaletto, accedi ai nostri servizi di vendita. Offriamo strumenti di consiglio e supporto alla vendita, vendite a trattativa privata e mediazione completa per le opere di Canaletto.

Autentichiamo Canaletto e rilasciamo certificati di autenticità dal 2002. Siamo esperti riconosciuti e periti certificati delle opere di Canaletto. Rilasciamo certificati di autenticità e valutazioni per qualsiasi opera di Canaletto.

Le nostre autenticazioni dei dipinti e disegni di Canaletto sono accettate e riconosciute in tutto il mondo.

Ciascun COA è supportato da ricerche approfondite e relazioni analitiche di autenticazione.

I certificati di autenticità che rilasciamo per le opere di Canaletto sono redatti sulla base di indagini artistiche, ricerche di autenticazione, lavoro analitico e studi forensi solidi, affidabili e totalmente documentati.

Siamo a disposizione per esaminare i tuoi dipinti o disegni di Canaletto ovunque si trovino nel mondo.

Riceverai i tuoi certificati di autenticità e la relazione di autenticazione solitamente entro due settimane. I casi più complessi, con dipinti o disegni di Canaletto difficili da ricercare, richiedono più tempo.

Tra i nostri clienti si trovano collezionisti di opere di Canaletto, investitori, autorità fiscali, assicuratori, periti, valutatori, banditori d’asta, gallerie d’arte, agenzie governative e svariati studi legali.

Giovanni Antonio Canal, detto il Canaletto, nasce a Venezia nel 1697. È stato uno dei più celebri pittori di vedute della sua epoca. Nelle sue vedute l’artista cristallizzò la meravigliosa città lagunare e i suoi abitanti, talvolta idealizzandola ma senza scivolare mai nell’irreale. Le sue conquiste nel campo della prospettiva e della resa atmosferica lo portarono a risultati artistici talmente innovativi che lo resero il pittore più richiesto del tempo.
Si forma a seguito del padre Bernardo, pittore di teatro, che gli trasmette la sensibilità pittorica con cui infatti collabora alla messinscena di alcuni spettacoli melodrammatici preparando i fondali dipinti. Verso il 1719, con il padre, si reca a Roma dove matura e decide in via definitiva di dedicarsi alla pittura di paesaggio, affascinato dalle rovine romane. Dopo il suo ritorno a Venezia, nel 1720, elabora uno stile personale di vedute di Venezia e del suo entroterra, che incontra il favore di un pubblico internazionale: tra i suoi committenti figura il principe di Liechtenstein e, soprattutto, J. Smith, banchiere, mercante e poi console inglese a Venezia che gli apre le porte del ricco e nobile collezionismo inglese. La crescente fortuna di Canaletto è testimoniata da alcune opere significative, che ora fanno parte delle collezioni del Liechtenstein: Il Canal Grande verso il ponte di Rialto, Piazza San Marco, une delle prime raffigurazioni della piazza e il soggetto preferito del pittore, e il Rione dei Mendicanti. Dal 1746 al 1756 soggiorna a Londra (con brevi ritorni a Venezia). La celebrità londinese di cui benefica Canaletto è talmente vasta che subito riceve molte commissioni da collezionisti d’arte ma anche politici inglesi. Raffigura molte vedute del Tamigi, e della campagna inglese per i duchi di Richmond, di Beaufort, di Northumberland e per altre eminenti personalità. Il soggiorno inglese si conclude nel 1755, data del rientro definitivo a Venezia. Nel 1763 viene eletto membro dell’Accademia di Arte di Venezia e il 19 aprile 1768 muore nella sua città natale. Il catalogo della sua opera comprende oltre cinquecento dipinti, oltre trecento disegni e trentaquattro acqueforti; la serie completa di queste ultime (prodotte tra il 1741 e il 1744), insieme a un cospicuo numero di dipinti e di disegni, è conservata nelle Collezioni reali inglesi.

Pensi di possedere un’opera di Canaletto? Contattaci per ricevere un aiuto cordiale, gentile e altamente informativo. Siamo esperti di Canaletto.
Nel corso della nostra attività abbiamo analizzato e valutato centinaia di artisti in tutto il mondo.

Cercate l'artista di vostro interesse.

Richiedete un preventivo gratuito

Non esitate, descriveteci la vostra opera. Vi forniremo un preventivo gratuito in brevissimo tempo.