Galleria di Artisti
Galleria dei principali artisti valutati nel corso degli anni

Prova digitando "picasso"

Iacopo Bassano

JACOPO BASSANO

Ottieni un Certificato di autenticità (COA) per il tuo dipinto o il tuo disegno di Bassano.

Per vendere, assicurare o donare qualsiasi opera di Bassano ti occorre un Certificato di autenticità (COA).

Ottenere un Certificato di autenticità (COA) per le opere di Bassano è facile. Basterà inviarci le foto e le dimensioni del tuo dipinto o disegno di Bassano, specificando tutto quello che sai sull’origine o sulla storia dell’opera.

Se vuoi vendere il tuo dipinto o disegno di Bassano, accedi ai nostri servizi di vendita. Offriamo strumenti di consiglio e supporto alla vendita, vendite a trattativa privata e mediazione completa per le opere di Bassano.

Autentichiamo Bassano e rilasciamo certificati di autenticità dal 2002. Siamo esperti riconosciuti e periti certificati delle opere di Bassano. Rilasciamo certificati di autenticità e valutazioni per qualsiasi opera di Bassano.

Le nostre autenticazioni dei dipinti e disegni di Bassano sono accettate e riconosciute in tutto il mondo.

Ciascun COA è supportato da ricerche approfondite e relazioni analitiche di autenticazione.

I certificati di autenticità che rilasciamo per le opere di Bassano sono redatti sulla base di indagini artistiche, ricerche di autenticazione, lavoro analitico e studi forensi solidi, affidabili e totalmente documentati.

Siamo a disposizione per esaminare i tuoi dipinti o disegni di Bassano ovunque si trovino nel mondo.

Riceverai i tuoi certificati di autenticità e la relazione di autenticazione solitamente entro due settimane. I casi più complessi, con dipinti o disegni di Bassano difficili da ricercare, richiedono più tempo.

Tra i nostri clienti si trovano collezionisti di opere di Bassano, investitori, autorità fiscali, assicuratori, periti, valutatori, banditori d’asta, gallerie d’arte, agenzie governative e svariati studi legali.

Iacopo, detto Bassano, figlio del pittore Francesco il Vecchio nasce a Bassano del Grappa probabilmente nel 1510. Comincia la carriera di frescante a partire dagli anni '30, ancora giovanissimo, quando esegue per la casa di Bassano di Ambrogio Frizier uno stemma con due satiri, oggi perduto. Francesco, il padre, risulta malato nel 1529 e pare che il Jacopo abbia assunto presto la principale responsabilità per pitture importanti commissionate alla bottega di famiglia.
Tra le prime opere, che già attestano uno stile ben definito, possiamo ricordare Cristo tra i dottori (Oxford, Ashmolean Museum) della fine del 1539 dalla tonalità fredda e dissonante.
Degli anni successivi, 1540-1541, sono l'Adorazione dei Magi (Edimburgo, National Gallery of Scotland) e la Fuga in Egitto di Toledo (Ohio, Museum of Art) e di Pasadena (California, Museum of Art). Un forte senso del favoloso informa quadri posteriori come l'Adorazione dei pastori (Hampton Court, coll. reali), La salita al Calvario (Londra, Nat. Gallery) e Noli me tangere (Oriago, Venezia 1543-1544; erroneamente attribuito a Francesco Vecellio). Nel Martirio di s. Caterina ( Bassano, Museo civico, 1544), il favoloso raggiunge il massimo in una stravagante esplosione di motivi formali romani e di colori squillanti. Del 1546 è la turbolenta Ultima Cena (Roma, Gall. Borghese). I quadri del sesto decennio risentono fortemente dell'influsso delle correnti artistiche di Venezia: Tintoretto, Schiavone, ma più di tutti Tiziano, il quale ispirò il tono crepuscolare, l'illuminazione aspra e la pennellata sciolta e virtuosistica visibile in quadri di transizione come la Salita al Calvario (Budapest, Sźepmüvészeti Muzeum), del 1550.
Con l'Annuncio ai pastori (c. 1556, Washington, National Gallery), Iacopo segna una nuova tappa nell'evoluzione della pittura di genere, un dipinto che lasciò segni sensibili a Venezia, a cominciare da Tiziano e Tintoretto sino al Piazzetta nel Settecento.
Uno dei primi e più bei quadri del genere intimista e pastorale è La parabola del seminatore (Lugano Castagnola, coll. Thyssen-Bornemisza), del 1563 circa, presto seguita dal Viaggio di Giacobbe (Hampton Court, coll. reali). Comincia a dipingere anche quadri di formato più piccolo per collezionisti privati: come Giacobbe e Rachele al pozzo (Baltimora, coll. priv.; Bettini, 1933) e anche serie di tre quadri come le Storie di Tamar (sopravvive una tela oblunga presso il Kunsthistorisches Museum di Vienna), dando così inizio a un gusto per dipinti in serie, che avrebbe proliferato nel decennio seguente.
Altri due quadri importanti della fine degli anni '60 inizio anni '70 sono Cristo che caccia i mercanti dal tempio e l'Entrata degli animali nell'arca, ambedue al Museo del Prado a Madrid, mentre del 1575 è la grande pala d'altare per la chiesa di S. Rocco a Vicenza: S. Rocco che visita gli appestati (Milano, Brera).
All'ultima ora ottiene da Venezia la grande commissione che aveva sempre aspettato: attorno al 1590 circa gli viene ordinata L'Adorazione dei pastori per S. Giorgio Maggiore, che consegna prima della morte avvenuta a Bassano nel 1592.

Pensi di possedere un’opera di Bassano? Contattaci per ricevere un aiuto cordiale, gentile e altamente informativo. Siamo esperti di Bassano.
Nel corso della nostra attività abbiamo analizzato e valutato centinaia di artisti in tutto il mondo.

Cercate l'artista di vostro interesse.

Richiedete un preventivo gratuito

Non esitate, descriveteci la vostra opera. Vi forniremo un preventivo gratuito in brevissimo tempo.